Il carciofo, frutto del sudore e sacrificio. “Innamorato del mio lavoro”.

Una vocazione quella per i carciofi che ha portato il signor Gaetano a rinunciare ad altre opportunità per continuare la tradizione di famiglia. Al momento, la sua passione è così grande da coltivare ben 30 ettari con carciofi e grano a cui dedica anima e corpo nonostante gli alti e bassi. Un lavoro duro, senza dubbio, ma “fai un lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno della tua vita”. Sveglia tra le quattro e le cinque del mattino per dedicarsi al lavoro che precede quello nei campi: prendere gli operai, fare colazione, prepararsi alle dure ore nei campi. Senza dubbio, vedere crescere le piante, dal terreno vuoto, ai piccoli germogli, ai frutti, il tutto è pura soddisfazione che spinge a credere nel duro lavoro.

Da Novembre ad Aprile si raccolgono i frutti che passano di generazione in generazione, infatti oltre a Gaetano, anche il fratello Giovanni e figli Carmelo e Carmelo che un giorno potrebbero avere l’opportunità di continuare l strada che gli avi hanno battuto con amore e sacrificio. Purtroppo non c’è una bella prospettiva futura: negli ultimi tempi ci sono stata rincari di tutti i generi, dai concimi  al gasolio, passando dall’energia elettrica e dalle strumentazione necessarie. Purtroppo aumentare i prezzi dei prodotti non è realmente utile, infatti, nonostante si cerchi di aumentare un po’ il prezzo di vendita  non si riesce a coprire appieno tutte le spese e chi ci guadagna veramente è il rivenditore e non il produttore.

Si spera in tempi migliori che vadano oltre l’abbandono delle campagne, sperando anche in una maggiore assistenza da parte degli enti governativi di riferimento.

Altre ricette sul nostro sito. Condividi i tuoi piatti sul nostro gruppo FaceBook.

Cristina Acquaviva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *